Accademia di Belle Arti di Ravenna

Salta ai contenuti
Accademia di Belle Arti di Ravenna
 
Sei in: Home ›› Erasmus

Erasmus

 
Bando Erasmus 2013-2014 (pdf - 51,70 kB)

Che cos'è ERASMUS

Il programma Erasmus è un programma di formazione continua Lifelong Learning Programme (L.L.P.) dell'Unione Europea che ha tra le finalità il supporto alle Università ed agli Istituti di Istruzione Superiore non universitari per favorire la cooperazione e realizzare la mobilità degli studenti e dei docenti tra Istituti europei che, a tale scopo, sottoscrivono accordi bilaterali.
Obiettivo delle azioni che vengono realizzate è quello di affermare la dimensione Europea dell'Istruzione Superiore favorendo l'apprendimento delle lingue straniere e la conoscenza della cultura del paese ospitante attraverso il pieno riconoscimento degli studi compiuti presso l'Istituto partner.
Il Programma L.L.P. /ERASMUS offre agli studenti l'opportunità di trascorrere un periodo di studio (da tre a dodici mesi) presso uno dei 27 paesi membri dell'Unione Europea (Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Germania, Grecia, Francia, Spagna, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Austria, Finlandia, Portogallo, Svezia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria, Lituania, Lettonia, Polonia, Repubblica Slovacca, Slovenia, Cipro , Malta, Turchia) o in uno dei Paesi dello Spazio Economico Europeo (Islanda, Norvegia, Liechtenstein) o in uno dei Paesi candidati all'adesione e Turchia.
Per contribuire alle spese della mobilità (viaggio, preparazione linguistica e soggiorno), la comunità Europea concede delle borse, cui si aggiungono quelle assegnate dall'Accademia di Belle Arti di Ravenna, che però, non sono intese a coprire la totalità dei costi di studio all'estero.
Le condizioni per l'assegnazione delle borse L.L.P./ERASMUS prevedono che:
1) Gli studenti in mobilità abbiano completato il primo anno di studi, ed essere cittadini di un paese partecipante al Programma.
2) Il periodo di studio all'estero deve essere compreso tra tre e dodici mesi e svolgersi presso un paese membro della Unione Europea o di un altro paese che partecipa al programma.
3) Da parte dell'Istituto di origine, vi sia il riconoscimento formale del periodo di studi svolto all'estero.
Gli studenti in mobilità sono esonerati dal pagamento delle tasse accademiche presso l'Istituto ospitante e potranno continuare a beneficiare, durante la permanenza all'estero di eventuali borse di studio o prestiti concessi dal paese d'origine.
Lo studente potrà ricevere durante il proprio percorso accademico al massimo due borse di studio ERASMUS:
1. una borsa ERASMUS per la mobilità ai fini di studio (SMS)
2. una borsa ERASMUS per la mobilità per placement (SMP)

E.I.L.C.
Gli studenti Erasmus diretti verso uno di quei paesi la cui lingua è meno diffusa e meno insegnata, hanno la possibilità di partecipare ai corsi intensivi per la preparazione linguistica (E.I.L.C. Erasmus Intensive Language Courses) prima della mobilità Erasmus

ERASMUS –PLACEMENT
Il sottoprogramma Erasmus-Placement si propone di stimolare la mobilità degli studenti, permettendo loro di svolgere un tirocinio formativo presso uno studio professionale, una galleria d’arte, un centro di formazione o di ricreca o qualsiasi impresa riconosciuta come tale che opera nel mondo del lavoro, appartenenti ad uno dei 27 paesi dell’Unione Europea , offrendo la possibilità di acquisire competenze tecniche specifiche ed operative .
Per ulteriori informazioni: www.programmallp.it

ECTS

ECTS è l'acronimo che individua il "Sistema europeo di accumulazione e di trasferimento dei crediti formativi".
Introdotto a livello europeo nel 1989 nell'ambito del programma Erasmus ed oggi inserito come parte integrante del programma L.L.P., il sistema ECTS è incentrato sul tempo di lavoro richiesto ad ogni studente per conseguire gli obiettivi di un corso di studi al fine di rendere i programmi di studio facili da leggere a da comparare, sia a livello nazionale sia a livello internazionale. Infatti, grazie al sistema ECTS, viene facilitato il riconoscimento del percorso degli studi intrapreso e, di conseguenza, viene garantita la possibilità della mobilità studentesca.
Un credito formativo accademico corrisponde, generalmente, a 25 ore di lavoro - tra lezione frontale, ricerca assistita e lavoro individuale - e la qualità media di lavoro di apprendimento svolto in un anno da uno studente impegnato a tempo pieno negli studi è convenzionalmente fissato in 60 crediti.
Il credito formativo è dunque un modo per quantificare i risultati dell'apprendimento, vale a dire di quell'insieme di competenze che esprimono che cosa lo studente sarà in grado di comprendere e di realizzare al termine del percorso dei diversi corsi di studio.
Al termine del triennio di formazione accademica di base - necessario per conseguire il Diploma di primo livello - lo studente dovrà aver maturato 180 crediti formativi.
Nel successivo biennio specialistico o "di approfondimento" - Diploma accademico di secondo livello - lo studente dovrà maturare altri 120 crediti.

E.U.C. 2007/2013
Erasmus University Charter

1) L’Accademia di Belle Arti di Ravenna si propone, nell’ambito del Progetto Erasmus, di favorire soprattutto la conoscenza, la pratica e la riflessione teorica sul mosaico, in tutte le sue prerogative di linguaggio autonomo dell’arte saranno affrontati i problemi connessi alla progettazione, alla conoscenza della storia attraverso visite alle basiliche bizantine ravennati, alla pratica musiva nella pittura con risvolti nella moderna concettualità, alle applicazioni nel design, nell’arredo urbano e nell’architettura alla ricerca di materiali innovativi.
L’interesse per il mosaico non esclude, naturalmente, altri ambiti di ricerca che da decenni caratterizzano l’Accademia di Ravenna e che rientreranno nei temi del Progetto Erasmus: la sensibilità spaziale nella pittura e nella scultura, la comunicazione visiva, le forme della multimedialità e della “decoratività sensibile”, il restauro, l’oreficeria.
Un altro campo di interesse progettuale all’interno del progetto Erasmus sarà l’analisi sulle caratteristiche storiche, artistiche e paesaggistiche del territorio, continuando una tradizione che, in un recente passato, ha visto l’Accademia ravennate sede di una mostra di progetti sulla nuova Darsena della Scuola superiore di Architettura di Moons (Belgio) e di elaborazioni progettuali sul paesaggio del Delta del Po, esposte poi alla Biennale di Architettura di Venezia.
Attraverso dibattiti, conferenze e progetti artistici e culturali l’Accademia di Ravenna sarà impegnata a diffondere una cultura di coesione europea multietnica contro ogni forma di discriminazione e di xenofobia. Le problematiche tecniche relative all’handicap (ascensori, servizi, abbattimento delle barriere architettoniche, sono state risolte da quando l’Accademia è stata trasferita nella sua attuale sede.
2) L’Accademia di Belle Arti di Ravenna garantirà una qualità elevata di mobilità attraverso azioni pratiche e culturali, come il riconoscimento del sistema di crediti in parità con l’ordinamento universitario europeo, l’informazione sui “curricula” e sui percorsi didattici specifici al fine di favorire le potenzialità espressive personali, le attività di supporto agli studenti partenti (preparazione linguistica, informazioni e consigli); le attività di supporto agli studenti in arrivo, relative, soprattutto, a problemi logistici e di preparazione linguistica, il riconoscimento della mobilità ai docenti impegnati nel progetto Erasmus.